SPID: il sistema digitale della Pubblica Amministrazione

SPID è il  Sistema Pubblico di Identità Digitale che garantisce a tutti i cittadini e le imprese un accesso unico, sicuro e protetto ai servizi digitali della Pubblica Amministrazione e dei soggetti privati aderenti.

L’identità SPID è rilasciata dai Gestori di Identità Digitale (Identity Provider), soggetti privati accreditati da AgID che, nel rispetto delle regole emesse dall’Agenzia, forniscono le identità digitali e gestiscono l’autenticazione degli utenti. Si può richiedere l’identità SPID al gestore che si preferisce e che più si adatta alle nostre esigenze. Il gestore, dopo aver verificato i tuoi dati, emette l’identità digitale, rilasciando le credenziali.

Di recente tantissimi italiani hanno cercato di attivare Spid.

Poiché attivando questo sistema si possono ottenere bonus e incentivi previsti dal Governo nella crisi del coronavirus.

I dati raccolti rivelano infatti un boom mai visto di attivazioni di account Spid: a marzo è raddoppiato il tasso di crescita e ora siamo a 6,5 milioni di utenti attivi.

In tutto sono quasi un milione in più in appena due mesi.

Il sistema esiste già da quattro anni e negli ultimi due mesi ha ottenuto circa la stessa quantità di attivazioni di tutto il 2019.

Il sistema promosso dallo Stato, come prima accennato, permette infatti, tra l’altro, di accedere al sito Inps per richiedere il bonus dei 600 euro e il bonus baby sitting previsti dal Decreto Cura Italia.

Inoltre permette di ottenere i buoni spesa dei Comuni e la Carta Famiglia, rilasciata dal Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Spid è utile anche per tutti coloro che avevano perso, smarrito o non avevano a disposizione le credenziali specifiche del sito Inps che, ricordiamolo, richiede il cambio della password ogni tre mesi.
E’ possibile utilizzare Spid anche per richiedere l’accesso alla Centrale Rischi della Banca d’Italia per sé o in quanto legale rappresentante di aziende, in modo da poter verificare l’assenza di posizioni finanziarie segnalate in sofferenza prima del 29 febbraio 2020 come espressamente previsto dal Decreto Liquidità per poter accedere ai finanziamenti garantiti.

Spid inoltre è gratuito e lo sarà sempre. Resta possibile attivare di persona alle Poste (principale metodo utilizzato) e via web cam con diversi attori (Aruba, Infocert, IntesaID, Lepida, Sielte, SpidItalia, Tim).

Grazia Crocco

Condividi l'articolo

Grazia Crocco Autore