FCA e FERRARI producono respiratori e mascherine

In questo difficile periodo anche l’azienda Fiat Chrysler ha deciso di collaborare, riconvertendo uno stabilimento che di norma produce automobili alla produzione di mascherine facciali.
L’annuncio è arrivato dall’amministratore delegato Mike Manley, che ha scritto una lettera ai dipendenti.

Secondo quanto riferisce la Uilm ( unione italiana lavoratori metalmeccanici) “l‘obiettivo – spiega Manley ( AD. di Fiat Chrysler) è di iniziare la produzione nelle prossime settimane ed arrivare a produrre oltre un milione di mascherine al mese che saranno donate ai primi soccorritori e agli operatori sanitari”. Oggetto della riconversione, si apprende, è uno stabilimento asiatico.
Nella lettera, Manley aggiunge: “
Tanti di voi sapranno che in Italia i nostri team di engineering e del manufacturing insieme ai colleghi della Ferrari stanno collaborando con Siare Engineering, una delle poche aziende che producono respiratori, per aiutarli a raddoppiare la loro produttività. Manley si sente soddisfatto di riconvertire la sua aziende per aiutare i più bisognosi.

E sempre Manley dichiara che dal mese di aprile e per i prossimi tre si ridurrà lo stipendio del 50% ed inoltre i membri del Group Executive Council (Gec) ridurranno il loro del 30%”.
Sono da lodare queste grandi imprese che aiutano la gente in difficoltà.

Grazia Crocco

Condividi l'articolo

Grazia Crocco Autore