Tu sei qui

Russia: camion ripara le buche in cinque minuti

Arriva dalla Russia, più precisamente dallo studio di design Dahir Insaat, la nuova soluzione al problema delle buche sull’asfalto. Si tratta di un mezzo che autonomamente individua le buche e le ripara in cinque minuti.

Il camion “tappabuche”, il cui video promozionale è divenuto virale su Youtube, è in grado di scavare sul tratto di strada rovinato, di aggiungere l’asfalto per riempire la buca e infine di collocare una specie di “tappo” composto di un materiale speciale che si espande e crea un vero e proprio guscio protettivo sull’area riparata.

In particolare, il camion è equipaggiato con frese, seghe e martelli pneumatici con cui ritaglia l'asfalto attorno alla buca realizzando una forma regolare. Successivamente, un potente aspiratore elimina sassi, terra e altri residui lasciando così un'apertura pulita e dai contorni ben definiti. Il buco viene poi sigillato con una mattonella di asfalto speciale della dimensione che l'operatore sceglie tra quelle disponibili a bordo del mezzo. Una volta posizionata, questa mattonella viene riscaldata con una grande piastra così che si saldi in maniera permanente al manto stradale.

L’elemento innovativo non è solo di tipo tecnologico, ma anche in termini di costi. Infatti, è stato calcolato che i costi di intervento sulle buche attraverso questo mezzo risulterebbero di gran lunga più bassi degli attuali costi sostenuti dalle amministrazioni comunali per la riparazione del manto stradale con i sistemi “classici”.

A dire il vero, a Roma è già operativa una “macchina tappabuchi” simile a quella realizzata dai designer russi. Tuttavia, differentemente da quest’ultima, il macchinario operante nella Capitale necessita ancora del supporto umano e soprattutto utilizza i metodi classici di riparazione del manto stradale. Infatti, le buche vengono prima pulite con un getto di aria compressa, poi viene spruzzata una miscela a una temperatura compresa tra i 50 e 60 gradi per preparare il fondo, infine si versa un getto di graniglia e si fanno le rifiniture tramite lo spargimento di sabbia e graniglia fine e asciutta. Successivamente, un macchinario più piccolo procede al livellamento della superficie per consentire di ripristinare la viabilità in tempi brevi.

Sebbene la soluzione romana appare innovativa, non c’è dubbio che la vera soluzione definitiva al problema della manutenzione urbana potrebbe arrivare proprio dall’invenzione di Dahir Semenov, il titolare dello studio di design Dahir Insaat, che in realtà non è solo un designer ma anche un competente ingegnere.

Grazia Crocco

Categoria: 

Theme by Danetsoft and Danang Probo Sayekti inspired by Maksimer