Il cemento mangiasmog italiano in corsa per l’“Oscar” dell’innovazione

cemento-mangia-smog.jpg

Il cemento mangiasmog Tx Active, di Italcementi è in corsa nella categoria “Industry” agli European Inventor Award dell’EPO – European Patent Office che sarà assegnato a Berlino il prossimo 17 giugno, e premia l’eccellenza nell’innovazione tecnologica.
Il principio attivo Tx Active è stato messo a punto nei laboratori del Gruppo Italcementi dal team di ricerca guidato dal professor Luigi Cassar. Una nomination di cui l’Italia può essere contenta, in un settore che guarda al futuro e che deve affrontare sempre nuove sfide per coniugare l’affidabilità dei prodotti alle performance estetiche.
Al centro dell’innovazione, al fine di neutralizzare l’inquinamento e preservare le caratteristiche estetiche del cemento, c’è lo sfruttamento dell’energia solare: la miscela di cemento contiene sostanze conosciute come “fotocatalizzatori” che utilizzano la luce del sole per ossidare gli inquinanti e trasformarli in elementi meno dannosi, in seguito rimossi dall’acqua piovana. Il materiale non solo preserva l’edificio ma disinquina anche l’aria circostante.
A contatto con la luce del sole, il principio attivo presente nel materiale consente di “catturare” alcuni inquinanti presenti nell’aria, trasformandoli in sali inerti e contribuendo così a liberare l’atmosfera dallo smog. La malta, inoltre, prevede l’utilizzo per l’80% di aggregati riciclati, soluzione che permette un notevole risparmio di risorse naturali e che è in linea con lo sviluppo di materiali per le costruzioni sempre più ecosostenibili.
La “dinamicità” è una caratteristica propria del nuovo materiale, che presenta una fluidità tale da consentire la realizzazione di forme complesse come quelle che caratterizzano i pannelli di Palazzo Italia. Grazie alla sua particolare lavorabilità, i.active BIODYNAMIC può penetrare nei casseri – progettati uno ad uno – messi a punto da Styl-Comp fino a formare il disegno finale del pannello, il tutto garantendo una straordinaria qualità superficiale.
Anche l’Esposizione Internazionale di Milano 2015 sarà una ribalta per il cemento biodinamico, il cui principio attivo è contenuto nel nuovo materiale con cui sarà realizzata la struttura esterna di Palazzo Italia.
Italcementi già aveva messo a punto la soluzione del cemento trasparente per il padiglione italiano all’Expo 2010 di Shanghai ed ha colto subito la nuova sfida, forte di 150 anni di esperienza nel mondo dei materiali per le costruzioni.
Il Padiglione italiano sarà il cuore pulsante di Expo 2015. Il progetto architettonico dello studio Nemesi & Partners del Padiglione Italiano a Expo 2015 prevede la realizzazione di una struttura complessa, che richiama nel suo aspetto esteriore e in alcuni spazi interni le forme di una foresta ramificata.

Condividi l'articolo

admin Autore