Sfonda nel mondo il marmo “made in Italy”

5148844c24bad.jpg

Si è appena conclusa a Verona “Marmomacc”  la più importante fiera a livello mondiale  per le imprese  del marmo, design e tecnologie per la lavorazione della pietra.
La fiera ha consentito di fare il punto su questo comparto, erede di un’antica tradizione  e, al tempo stesso, uno dei più vitali del “made in Italy” , con 3.375  imprese,  35.000 addetti e 3,8 miliardi di euro di vendite , tra pietra lavorata e  macchinari.
Il 68% della produzione viene esportato in ben  130 paesi, con un saldo  attivo di 2,2 miliardi di euro.
Dagli incontri con gli operatori del settore  è  emerso  che  il mercato  interno ha subito una forte contrazione. Anche alcuni mercati  tradizionali hanno mostrato segni di crisi,  ma  l’aumento di domanda da parte di alcuni paesi emergenti ha compensato le perdite.
Elemento  caratteristico  del comparto, che contribuisce a spiegarne la tenuta, è l’avanzata internazionalizzazione, che si concretizza in joint –  venture  con imprenditori che operano in paesi in via di sviluppo, spesso ricchi di materie prime pregiate,  ma bisognosi di tecnologie.

Roberto Macchioni

Condividi l'articolo

admin Autore