Amsterdam: la Venezia del nord

amsterdam-canale-luci-5.jpg

Quest’estate,  ad agosto,  sono stata   dieci giorni nella meravigliosa città di Amsterdam.
Ciò che inizialmente mi ha colpito di più, appena arrivata,  sono stati i numerosi canali disseminati per tutta la città e la bellezza della casette olandesi( colorate) a 2 o 3 piani, a volte un po’ inclinate.
Una caratteristica che contraddistingue questa città è l’utilizzo delle biciclette.  Per questo la città è dotata di una propria ed efficiente pista ciclabile dove  giovani, anziani, ragazzi e lavoratori  girano quotidianamente  per le diverse vie di Amsterdam, sia di notte che di giorno.
Ad Amsterdam ci sono numerosi  musei da visitare, locali etnici da provare, discoteche, pub, grandi parchi e negozi.
Una delle visite che consiglio assolutamente di fare e che mi ha molto affascinato  è  quella ai due musei d’arte più importanti della citta: il  Van Gogh e il Rijksmuseum, museo storico della città.
Per le visite ai musei conviene  prenotare i biglietti  qualche ora prima, ma  per essere proprio sicuri si può effettuare la   prenotazione  su internet o in apposite biglietterie in centro, per non rischiare, così,  di imbattersi in  una fila interminabile all’ingresso.
Nel Van Gogh Museum si possono ammirare oltre 200 dipinti e 500 disegni  del celebre artista olandese tra cui i girasoli,  i mangiatori di patate, i corvi nel campo di grano e la camera da letto di Arles.
Osservare questi quadri dal vivo è una vera emozione; non c’è turista che esca dal Van Gogh Museum e non  rimanga  stupito dai capolavori del grande artista.
Il Rijksmuseum è il museo storico della città ed ospita la migliore collezione di arte olandese del mondo.
Al suo interno si trovano sculture, quadri, suppellettili, mobili che vanno dal periodo medioevale sino ai nostri giorni.
I dipinti  più celebri sono  quelli realizzati da  Vermeer e Rembrandt.
I quadri più famosi di Rembrandt da vedere sono: la sposa ebrea, la Ronda di notte e l’Autoritratto di Tito nelle vesti dell’apostolo Paolo.
Per gli appassionati di arte moderna c’è anche lo “Stedelijk Museum che ospita opere di artisti come Matisse, Picasso, Mondrian, Chagall, e Cézanne.
Per muoversi all’interno della città, oltre alle bici, si possono fare bellissime passeggiate per i vari quartieri di Amsterdam o prendere comodamente il tram.Ma se si vuole ammirare la città in tutto il suo splendore, non si può non fare il giro dei canali sul battello di notte o di sera. Per prenotare le visite sul battello bisogna recarsi in alcuni centri turistici o in un posto vicino alla stazione.
La visita dura circa 1 ora e mezza e sull’imbarcazione  vi è una simpatica guida che in inglese vi potrà illustrare  i segreti e le curiosità della bella città del nord, inoltre,  potrete fare meravigliose foto dei ponti illuminati della città.
Le tre piazze più famose  da vedere assolutamente sono : Rembrandtplein, che si trova in centro,  e che rappresenta  oggi  il luogo principale della vita notturna.
Qui si trova  la famosa discoteca Escape, l’elegante Café De Kroon, che  nel week end ospita i migliori dj e organizza feste in discoteca , e numerosi ristoranti etnici come quello greco, indonesiano, spagnolo, argentino ecc.
La piazza più famosa di Amsterdam è senz’altro Leidseplein dove a due passi c’è l’ l’Hard Rock cafè (Max Euweplein) e la via dello shopping: la Leidsestraat,  in cui  si possono trovare i negozi di H e M, Abercrombie & Fitch, Zara, Accessorize, Sheobaloo e tanti altri.
Leidseplein è il ritrovo dei giovani di Amsterdam ed  è ricca di bei localini, cafè, cinema, disco-pub.
Nelle vie del centro oltre ai numerosi negozi di abbigliamento, tabacchi, cartolibrerie, si trovano diversi  luoghi  che vendono prodotti gastronomici  tipici olandesi: in particolare i rinomati formaggi, tra cui l’Edam e il Gouda che si possono generosamente assaggiare.
La terza piazza, la più importante della città, è Piazza Dam, dove ogni giorno si tengono spettacoli di artisti. Qui  vi è il famoso museo delle cere di Madame Tussauds, il Palazzo Reale e i Grandi Magazzini De Bijenkorf.
Tra gli altri  luoghi interessanti da vedere ci sono anche i mercatini dei fiori, situati principalmente nella zona centrale, dove si possono acquistare bulbi di tulipani dai  più svariati colori, girasoli, ortensie, rose, e tantissime altre varietà di piante.
Il Vondelpark è il più grande parco di Amsterdam, si estende su vari ettari e accoglie più di 100 specie di piante, oltre a laghetti, aiuole, bar, un teatro all’aperto.  Vi è la possibilità di attraversarlo  in bici , oppure si può  giocare a racchettoni nel prato e, volendo,  godersi un momento di relax all’aria aperta.
Un’altra attrattiva importante da visitare è il museo – casa, dove visse per due anni e scrisse il suo diario l’allora giovane ragazza  Anna Frank  e che si trova in Prinsengracht.
La visita dura circa un’ora e si possono vedere i resti di alcuni scritti e filmati storici.  Anche per questa visita  è meglio  premunirsi in anticipo dei biglietti per la grande affluenza di visitatori.
L’orto botanico è un’ altra attrattiva della città ma, a dir la verità, non contiene molti fiori o piante da  vedere, e non è una visita che consiglio.
Il mercato delle pulci che si trova a Waterlooplein è molto carino e ha tantissimi oggetti, vestiti particolari, cd antichi, libri antichi, vecchie stampe e tanto altro.
Da queste parti c’è il quartiere ebraico e si possono visitare due importanti e monumentali sinagoghe.
Il clima ad Amsterdam non è mai molto caldo, neanche d’estate.
Ci troviamo nel Nord Europa e qui le estati di solito corrispondono più o meno alla nostra primavera e quindi se andate a visitare la città a luglio o ad agosto portatevi delle felpe, dei pantaloni lunghi e non fatevi ingannare dalle alte temperature che si hanno in agosto nelle città come Roma, Milano ad esempio.
Una piccola pecca della città è che solo pochi bar vi potranno  offrire un vero caffè espresso italiano, perché gli altri di solito, se chiedete una tazza di caffè, vi daranno una bevanda acquosa e colorata di nero.
Esiste  anche un’ Amsterdam più trasgressiva che è quella dei coffee shop, dove si può fumare liberamente erba, e del  famoso quartiere a luci rosse, dove si possono vedere delle prostitute in mostra dietro a delle vetrate.
Se volete trovare dei buoni ristoranti italiani invece, per compensare la cucina olandese che non offre molta scelta,  dovete andare vicino a piazza Dam.
Uno dei più buoni è il Saturnino che si trova a Reguliersdwarsstrat.
Oltre ad Amsterdam ho visitato, nel corso della mia permanenza in Olanda, anche Enkhuizen, Utrecht, ed Harleem.
Enkhuizen  si raggiunge in treno e dista circa un’ora di viaggio da Amsterdam.
E’ un paese molto caratteristico sul mare dove si possono visitare due musei, uno interno e uno esterno.
Quello esterno si chiama Zuiderzeemuseum  ed è un vero e proprio museo di case olandesi dei primi del 900, a cielo aperto.
Questo museo si estende su una zona pianeggiante in cui si trovano circa 130 edifici che riproducono la vita olandese della fine dell’800,inizi 900.
All’interno di queste case si possono vedere le vecchie macchine da cucito, la macchina per fare il pane, i vecchi forni a legna del tempo, gli utensili dei fabbri, le reti dei pescatori e tanto altro.
Passando una giornata in questo magico paese si può veramente fare un tuffo nel passato e viaggiare con l’immaginazione.
Per chi avesse dei bambini, ci sono anche delle attività che vengono svolte insieme a degli animatori che sono molto istruttive e divertenti.
Per gli amanti della fotografia questo posto è un paradiso: c’è tanto da vedere e da immortalare.
Il museo interno, invece,  contiene alcuni quadri e reperti antichi.
A 35 km da Amsterdam si trova, invece,  Utrecht, incantevole cittadina che ospita la torre del duomo di circa 112 metri di altezza, la più alta d’Olanda.
Ad Utrecht si trova anche l’università più importante di Olanda con circa 30000 studenti ed è’ come una piccola Amsterdam: anch’essa con vari canali, piena di negozi, botteghe, cafè ecc.
L’ultima visita che ho fatto prima di ripartire è stata ad Harleem, cittadina che dista pochi chilometri da Amsterdam.
Nella piazza principale, la Grote Markt,  sorge l’imponente Chiesa gotica di San Bavone , la più grande chiesa d’Olanda, che si può visitare all’interno e ne vale davvero la pena.
Se si affittano le biciclette, nel periodo primaverile,  si può arrivare, volendo,  alla campagna che ospita  distese di fiori e tornare in città mettendo la bici sul treno.
Gli olandesi sono molto ospitali e parlano tutti molto bene l’inglese;  non troverete difficoltà nell’esprimervi, nei cafè come in albergo.
Se volete vedere bene tutta la città e dintorni vi consiglio di stare 6 o 7 giorni.
Se visitate la città d’inverno, troverete un clima rigido con temperature di vari gradi sotto lo zero e troverete i canali ghiacciati con alcuni ragazzi che vi pattinano sopra .
Il periodo ideale per visitare Amsterdam è da maggio a settembre. La fioritura dei tulipani avviene in primavera, mentre il  clima è  mite, intorno ai 20 gradi circa.
Almeno una volta nella vita vi consiglio di passare qualche giorno in questa splendida città, ribattezzata la Venezia del nord, per i suoi incantevoli canali, gli eleganti quartieri e i meravigliosi tulipani.

Grazia Crocco

Condividi l'articolo

Grazia Crocco Autore